Cielo sereno.

Era sera ed eravamo seduti in macchina. Scendevamo verso il centro, non ricordo se la radio fosse accesa, se stessimo parlando, che giorno fosse. Ricordo solo che dopo la discesa, dietro ad una curva, la luce arancione del tramonto ci avvolse improvvisamente. Alzai una mano a far da scudo agli occhi, ma solo per un attimo. La riabbassai e lasciai andare il capo all’indietro, sul sedile. Guidava lui, il sole della sera mi scaldava il viso e un calore si irradiò incontenibile nel petto. Ricordo che si voltò a guardarmi, per poi cercare la mia mano. Io sorrisi ad occhi chiusi.

ImageCi sono stati così tanti momenti più significativi, prima e dopo. Mi domando perchè proprio questo ritorni a galla così vivido, di tanto in tanto. Forse è inutile farsi tante domande, la risposta potrebbe essere semplicissima: il cielo sereno, dentro, dopo tante burrasche.

Advertisements

11 thoughts on “Cielo sereno.

  1. Che meraviglia questo post… Mi hai fatto venire la pelle d’oca!
    A me piace tanto ricordare. Tantissimo.
    Solo che poi mi perdo nella malinconia del tempo che è stato e non tornerà 😦

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s