C’è che.

szandri come dori

C’è che fa caldo, molto caldo.

E io avrei tante cose da dire, da scrivere, ma non ne ho tanta voglia. C’è che incomincio i disegni e li lascio a metà, ché sento che non sono maturi. Ho bisogno di sedimentare, di stare tranquilla all’ombra a guardare il mare, senza parlare.

E poi c’è che sono distratta, mi dimentico le cose anche se me le scrivo; appunto nomi e numeri e poi non ricordo dove ho messo i foglietti, per esempio. Cose così, come chiedere dodici volte alla stessa persona come si chiama. Ah sì, te l’ho già chiesto.

Estate, d’un colpo. Fiaccata, svampita, mi cerco un angolino dove respirare aria fresca e riposare. Poi vediamo.

Advertisements

10 thoughts on “C’è che.

  1. Quando vuoi, andiamo al mare e ci sediamo insieme a guardarlo. Fino a quando la linea dell’orizzonte comincia a ballare, fino a quando il sole non ci si tuffa dentro. (vabbè io sto sulla costa occidentale… non so manco dove stai tu) (ma trovare qualcuno che evoca il mare per me è sempre una festa) (non potrei, non POTREI, vivere in un posto dove il mare non sia raggiungibile in meno di un’ora) (e ci ho vissuto, a 100 mt dal mare) (e mi ricordo le burrasche, quelle con 35 nodi di vento che sbattono le tapparelle che fanno tum-tum-tum, e mi ricordo le giornate di maestrale dopo le burrasche, e i giorni di bonaccia con la caligine e l’aria gonfia di umidità).
    Ecco. Il mare.

    Like

    • Io sto dall’altra parte, all’estremo est. Ma possiamo comunque andarci, sederci e guardarlo. Tanto lo si guarda in silenzio, il mare, non serve parlare. Tutto sommato è quel silenzio che unisce, il rumore delle onde, l’odore del sale sulla sabbia calda. E anche io senza il mare non so come farei!

      Like

      • Ho una cognata che abita a Pescara. Io sono abituato al mare che accoglie il sole al tramonto. Vedere l’alba con il sole che esce dal mare è stato meraviglioso. Quando ero giovane non facevo caso a queste cose, ma ora sono attento ai dettagli, e nel sorgere c’è una valenza intrinsecamente più potente rispetto al tramontare. E’ più scomodo ma più bello. Anche se vedere il sole che scompare millimetro per millimetro è una meraviglia rara.
        Senza mare non è vita. Senza mare non si può. Io non so quelli del Liechtenstein come cazzo fanno…

        Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s