Fast and oblivious.

Ricordo che una volta dedicavo molto tempo alla scrittura di lettere ed email. Era un modo di coltivare relazioni ed amicizie che mi piaceva molto. Mi piaceva rendere le persone partecipi della mia vita in maniera personale, speciale. Mi piaceva regalare loro una delle cose più preziose che abbiamo, il tempo, e pian piano rendere solido il legame tra noi.

Ricordo che controllavo la casella  email solo ogni tanto. Avevo un cellulare vecchiotto; era il mio primo cellulare e l’ho amato tantissimo. Ovviamente non era uno smartphone quindi aveva un’unica funzione: quella di telefono. Ed andava benissimo così. Quando squillava non era la Vodafone, e quando arrivava un messaggio sicuramente non era un’offerta in promozione della Tre. Dicevo, controllavo la mail solo ogni tanto, tutto il resto del tempo lo impiegavo vivendo, presente al presente. E così ero presente anche quando aprivo la casella email – quella volta era Yahoo! – e mi dedicavo a leggere e scrivere.

Quanta bellissima corrispondenza in quegli anni!

Lo ricordo con un sospiro oggi, ogni volta che il cellulare mi avvisa con un “dling” che c’è posta per me. Sempre più raramente trovo un messaggio personale. Il più delle volte ricevo petizioni, catene, messaggi di marketing e offerte di e commerce. Il tempo di un “dling” e quei messaggi sono già dimenticati: veloci veloci scivolano in superficie e rotolano nel cestino senza lasciar traccia. Un po’ come quei messaggi che rimbombano nell’etere tra le mura autoreferenziali dei social network, scritti più per noi stessi che per gli altri.

Ogni tanto mi ritaglio un po’ di tempo e scrivo qualche lunga email agli amici lontani. Poi il tempo passa, me ne dimentico, e a distanza di settimane se qualcuno risponde il cuore fa una capriola per la sorpresa di un pensiero lanciato lì, come un seme, che dopo un po’ diventa un bellissimo fiore.

Advertisements

5 thoughts on “Fast and oblivious.

  1. Cambiano i tempi ma lo spam impera sempre. La posta, quella seria sul PC, continuo a vederla mentre lo spam fa fatica a superare gli sbarramenti.
    Quindi un ritaglio di tempo per dedicarmi a questa lo trovo sempre. Sullo smartphone, che uso come telefono e basta, non arriva posta ma solo fastidiosa pubblicità.

    Like

  2. Ricordo i miei amici di penna, sparsi per tutta Italia, con cui per anni ho corrisposto, e l’eccitazione di andare a vedere se nella cassetta della posta c’era qualche lettera non potrà mai essere sostituita da nessuna tecnologia (la cosa più simile è aprire feedly per controllare se ci sono nuovi post sui blog che seguo e pregustarne la lettura). 🙂

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s