Sole, blu.

É mezzogiorno.

image

Me waving at the glittering fishes.

Il sole di Maggio è caldo. Siedo in piena luce sul pontile che porta alla lanterna, leggendo un libro bellissimo. Attorno a me un venticello lieve fa suonare le cime delle barche. Cigolii, il tintinnìo del metallo in testa agli alberi, il rumore dell’acqua che si increspa. L’aria è calda, ma non tanto da farmi sudare. La baia è ancora silenziosa, anche se ogni tanto si sente lontano il rombo di qualche motore, o il vociare di chi si dirige alla spiaggia sul lato opposto rispetto a quello dove mi trovo. La pelle non scotta, ma la sento tirare sotto gli occhiali da sole. L’acqua sotto il legno chiaro del pontile è verde, all’ombra si muovono pigri dei grossi pesci scuri. Bevo un sorso d’acqua, poso il libro, mi arrampico oltre gli scogli e scruto l’orizzonte blu in cui il mare si fonde con il cielo.

image

Alla base degli scogli l’acqua brilla, i riflessi danzano sulla roccia, il vento muove le onde. Un signore con i capelli lunghi e bianchi ordina con cura le proprie cose al riparo dalla brezza. Non guardo che per un secondo le immondizie che la marea ha incastrato tra gli scogli, insieme a quelle che qualcuno ha ben pensato di lasciare lì, come se in questo posto baciato dal sole si potesse sorvolare sull’incuria. Se solo avessi dei guanti ed un sacco le raccoglierei. Un sacco non basterebbe, ad ogni modo. Torno a fissare la superficie blu del golfo, le vele al largo, i gabbiani nel cielo, prima di calarmi nuovamente sul pontile e riprendere in mano il libro che ho lasciato aperto sull’ascigamano. L’aria sa di crema solare. Non serve altro, svuoto la mente.

Advertisements

12 thoughts on “Sole, blu.

  1. Casualmente sto ascoltando alcuni pezzi di musica classica… e mi imbatto in questo tuo fotopost: binomio perfetto. Per fortuna, per una volta, non provo invidia: oggi ci sono sole e caldo anche a Manchester! Buona domenica! 😉

    Like

  2. I momenti semplici che sono i più belli, la miglior forma di meditazione.

    (La mia innata curiosità m’impone di chiederti che libro ti faceva compagnia) 😀

    Like

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s